20 febbraio 2013

Novità

Biblioteca Uno spazio metaforico
Pentavalide Pirlo annata 2012

.::.
Istanti
19 aprile 1970, Stadio San Siro, Milano
Alla penultima giornata del campionato di Serie A, matematicamente già campione d’Italia, il Cagliari fa visita al Milan, detentore della Coppa dei campioni e della Coppa intercontinentale. Ciò spiega ampiamente perché a Gianni Rivera sia stato assegnato il Pallone d’Oro, che fra pochi istanti verrà sollevato e mostrato alla folla di San Siro. Al rito è presente Rombodituono. I mondiali messicani sono ormai alle porte; i due ne saranno tra i più discussi protagonisti
.::.

Riflessioni

Parlare e scrivere di calcio è facile a certi livelli, difficile a certi altri. La ciarla da caffé può essere banale e profonda come qualsiasi resoconto giornalistico. Personalmente, trovo che la partita di calcio sia lo spettacolo agonistico più difficile da raccontare. Quasi sempre l'obiettività è inficiata dal sentimento di parte, dalle convinzioni che altri discutono e perciò vengono difese da noi con accanimento particolare, direi solipsistico a volte.
(Gianni Brera, Il più bel gioco del mondo, pp. 40-41)

9 febbraio 2013

Novità

Storie Maradona, uomo solo, di Jorge Valdano
Anacronache Stade de Reims vs Feijenoord 1963:
Una vigilia con le bollicine? | Clamoroso al Parco!
Kultur La caviglia di Van Basten e il tallone di AchilleOde a Zeman
Pentavalide Pirlo
Santoni Viktor Maslov

.::.
Istanti
10 marzo 1968, Olympic Stadium, Amsterdam
Gli occhi radiosi del giovane tifoso che festeggia Ruud Suurendonk, autore del gol con cui l’Ajax ha appena battuto di misura il Feyenoord. La vittoria fu l’inizio di una rimonta clamorosa che portò gli ajacidi, guidati da Rinus Michels (a -5 dal Feyenoord prima del Klassieker), all’ennesimo titolo dell’Eredivisie. Ruud Suurendonk era stabilmente una riserva, ma capace di segnare gol importanti. E di illuminare i suoi fans
.::.

Riflessioni

I see that African football is heading away from flair and more toward the team. Football has changed over the years and there aren't really any playmakers anymore. It's more about tactical work. I see African countries playing more like European ones. That's the only way to become competitive. It's a pity, it's at the expense of flair, because fans want to enjoy their money and see good football. If you could combine the flair with goals it would be great.
(Jay-Jay Okocha citato in J. Wilson, West African nations continue to struggle to find skillful playmakers, 2010)